Scrivici su Whatsapp per sconti extra!

Influenza e Coronavirus: numeri contagio e diffusione

Influenza e Coronavirus: numeri contagio e diffusione

E' giusto fare il paragone tra influenza e Coronavirus? Sono entrambe malatti virali, ma presentano notevoli differenze. Ecco quali

17/12/2020 17:16:00 | Farmafarma

Tutto quello che c’è da sapere su influenza e Coronavirus e le principali differenze

In questi giorni difficili, anche dal punto di vista dell’informazione, capita spesso di sentire accostare l’influenza e il Coronavirus. Entrambi sono virus che possono presentarsi in modi differenti: ci sono pazienti asintomatici, altri che manifestano sintomi lievi, altri in cui la malattia degenera in gravi patologie che possono condurre alla morte.

Ma quali sono le differenze tra il virus dell’influenza stagionale e il Covid-19? È corretto che vengano spesso messi a paragone? Proviamo a fare chiarezza sull’argomento.

Le origini delle due malattie virali

Da più parti si comincia a smentire che queste due malattie virali siano troppo simili. È bene sapere che i virus influenzali appartengono alla famiglia Orthomyxoviridae e sono suddivisi in tre tipiA, B e C. Danno vita a un’infezione stagionale che colpisce per lo più nei mesi invernali.

I Coronavirus sono una famiglia di virus identificati già negli anni ’60 e responsabili di una serie di patologie, che vanno dal banale raffreddore a sindromi respiratorie acute. Il Covid-19, quello di cui si discute oggi, è un nuovo ceppo di Coronavirus, mai identificato in precedenza dall’uomo. Il Covid-19 viene spesso chiamato semplicemente Coronavirus, ma tale termine non è propriamente esatto perché si riferisce in realtà a una vasta famiglia di virus.

Il metodo di trasmissione

Influenza e Coronavirus condividono lo stesso metodo di trasmissione:

Contatto

Gocce di saliva o nasali

Materiale contaminato dall’ammalato

In entrambi i casi le norme igieniche si rivelano un valido aiuto per prevenire il contagio, si consiglia quindi di: lavarsi spesso le mani, evitare di toccarsi bocca naso e occhi, se si è ammalati starnutire all’interno del gomito o in un fazzoletto di carta de gettare subito dopo.

Le principali differenze tra influenza e coronavirus

La velocità di trasmissione

I giorni di incubazione dell’influenza, cioè quelli che intercorrono tra il contagio e la comparsa dei sintomi, è di circa 3 giorni, quello del Covid-19 varia tra 2 e 14 giorni.

Il tasso di contagio

Il nuovo Coronavirus si diffonde più velocemente. Il contagio può avvenire anche 24-48 ore prima della manifestazione dei sintomi e in media un singolo individuo può contagiare tra le 2 e le 2,5 persone.

La gravità della malattia

L’80% delle persone che ha contratto il Covid-19 sono risultate asintomatiche o con sintomi di bassa gravità. Il 15% sono state infezioni gravi, il 5% casi critici. La percentuale di mortalità è tra il 3 e il 4%, mentre quella dell’influenza si attesta intorno allo 0,1%.

Chi colpisce

L’influenza colpisce per lo più i bambini, gli anziani, gli immunodepressi. I bambini sono un importante veicolo di trasmissione dell’influenza, ma non del Coronavirus che ha un impatto molto basso nella fascia di età 0-19. In base ai dati raccolti in Cina i bambini che hanno contratto il Covid-19 sono stati infettati dagli adulti. La popolazione a rischio è quindi quella adulta, in particolare le persone anziane con patologie pregresse che possono aggravare l’infezione.

-  Il vaccino

Se per l’influenza disponiamo di un vaccino, per il Covid-19 non ve ne è nessuno pronto a essere impiegato.

Cosa possiamo fare per prevenire il contagio? Integratori per rafforzare le difese immunitarie

Per evitare di ammalarci e ridurre le possibilità di contagio la raccomandazione è quella di adottare delle semplici regole igieniche e comportamentali. Possiamo poi rinforzare il nostro sistema immunitario con una dieta sana e bilanciata e assumendo degli integratori specifici. Prodotti consigliati sono:

- L’integratore Be-Total Immuno Protection in bustine, che aggiunge alle vitamine B ingredienti di origine vegetale come Echinacea e Acerola. È utile per supportare le naturali difese immunitarie dell’organismo.

- Lattoferrina Defence è un integratore arricchito con Vitamina D da fonte vegetale di zinco che insieme alla lattoferrina contribuisce al buon funzionamento del sistema immunitario.

- Globoferrina è un integratore alimentare a base di Lattoferrina, indicato in tutti gli stati carenziali di ferro.

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...

Recensioni certificate

Sappiamo come rendervi felici