Come riconoscere i sintomi di intolleranze alimentari

Ecco come riconoscere i sintomi delle intolleranze alimentari in tempo

 

Ecco quali sono i sintomi delle intolleranze alimentari più comuni

Per intolleranza alimentare si intende la difficoltà a digerire alcuni tipi di alimenti. Poiché i sintomi di intolleranze alimentari possono essere simili a quelli delle allergie, talvolta le due cose vengono confuse: le intolleranze però, a differenza delle allergie, non interessano il sistema immunitario, non si rilevano dai test allergologici e non causano shock anafilattico.

I sintomi sono difficili da comprendere tanto che a volte alcuni alimenti possono aggravare alcune condizioni o aumentarne la frequenza, come il caso di emicrania, intestino irritabile e orticaria. Le sostanze che causano intolleranze incidono poi in maniera più o meno significativa a seconda dei soggetti.

Quali sono i sintomi delle intolleranze alimentari più comuni?

Le intolleranze alimentari sono più difficili da diagnosticare rispetto ad una allergia alimentare. I sintomi delle intolleranze alimentari più comuni sono:

-gonfiore;
-dolore addominale;
-diarrea;
-flatulenza;
-prurito;
-eruzioni cutanee;
-mal di testa;
-vomito;
-nausea;
-bruciore di stomaco;
-irritabilità e nervosismo. 

Cosa fare quando si manifestano i primi sintomi

I sintomi delle intolleranze alimentari si manifestano poche ore dopo aver consumato il pasto, ma la comparsa di uno o più sintomi non sono sufficienti per diagnosticare una intolleranza. Gli unici test che si possono effettuare sono quelli per l'intolleranza al glutine o al lattosio. Per capire quali sono i cibi che causano problemi si deve quindi fare attenzione alla dieta, stilare un diario alimentare e provare ad escludere o sostituire dei cibi quando si manifestano i sintomi e poi provare a reintrodurli dopo un po' di tempo. Le prove vanno ovviamente eseguite sotto controllo medico e se i sintomi si presentano con regolarità è bene affidarsi al medico che potrebbe richiedere delle analisi per eseguire ulteriori controlli e accertare la causa dei disturbi.

In tutte queste fasi il supporto di un medico sarà fondamentale.

A volte quando si presentano dei sintomi di intolleranze alimentari può essere utile assumere degli integratori. L’integratore Nutrizym in capsule favorisce la funzione digestiva ed epatica ed un adeguato metabolismo dei carboidrati. Per il benessere dell'intestino si può provare l’integratore alimentare Silact Fast in capsule masticabili di β-galattosidasi, indicato nei soggetti intolleranti al lattosio