Difficoltà a concepire: ecco come affrontare il problema

Qualche rimedio su risolvere e affrontare le difficoltà a concepire

 

Ecco le principali cause alla base della difficoltà a concepire

Le cause alla base della difficoltà a concepire possono essere molte e variegate. Potrebbe trattarsi di problemi legati alla fertilità maschile o femminile oppure a qualche patologia. In molti casi non ci sono problematiche vere e proprie ad impedire l'instaurarsi di una gravidanza, ma è semplicemente uno stile di vita scorretto o alcune norme comportamentali poco adatte. Scoprire la cause è la prima cosa da fare per capire come risolvere la difficoltà a concepire

Difficoltà a concepire per problemi di ovulazione 

Non esiste una regola generale che indica quanto tempo è necessario per restare incinta, ma dovendo fare una media sono circa 8 i mesi di attesa. La donna che vuole avere un figlio deve aver rapporti sessuali non protetti nei periodi più fecondi che, in presenza di un ciclo regolare, si concentrano tra il quarto e il quindicesimo giorno dopo la comparsa delle mestruazioni. 

In caso di ciclo irregolare l'ovulazione può invece avvenire tra il decimo e il 18 giorno dalla comparsa delle mestruazioni. Per capire quali sono i giorni più fecondi c'è un metodo: la donna deve misurare la temperatura ogni mattina prima di alzarsi dal letto e trascrivere i risultati su carta millimetrata. Nel diagramma del mese un leggero picco simboleggia l'avvenuta ovulazione. 

In alternativa si possono acquistare in farmacia dei test per l'ovulazione come il test di Gravidanza Clearblue che è in grado di indicare due giorni fertili. Nel caso in cui l'ovulazione sia troppo irregolare, il medico potrebbe prescrivere degli esami specifici. 

Altre cause alla base della difficoltà a concepire 

Se il futuro papà o la futura mamma hanno in famiglia casi di infertilità, il consiglio è quello di sottoporsi ad una visita medica specialistica di controllo già prima del tentativo di concepimento. I controlli medici sono consigliabili anche superati i 38 anni di età. 

Le difficoltà a concepire potrebbero poi derivare da infezioni ginecologiche in atto: in questo caso si deve fare una cura antibiotica per risolvere il problema. Altre possibili cause potrebbero essere la presenza di cisti alle ovaie o una disfunzione ormonale. In entrambi i casi è bene rivolgersi al medico. 

L'infertilità potrebbe anche essere maschile. Dopo un anno di vani tentativi è consigliabile una visita urologica e un'analisi dello sperma. In assenza di problemi conclamati si può ricorrere all'assunzione di integratori per la fertilità maschile come l’integratore Spergin, che contiene sostanze capaci di interagire con gli spermatozoi contribuendo alle potenzialità fecondanti nelle vie genitali femminili.